lunedì 10 settembre 2007

La notte in bianco

Installazione al Circo Massimo - foto di Fra

La notte bianca romana è stata un successo... come ogni anno sognavo di arrivare alle 6 del mattino bella arzilla e in forma, e come ogni anno alle 3.00 mi sono ritrovata sfranta con la schiena a pezzi a pregare Davi di andare a casa!!
Avevamo tante cose da vedere, ma alla fine abbiamo visto quello che capitava sotto il nostro sguardo. Per noi la notte bianca è iniziata la sera prima con l'installazione al Circo Massimo e le foto alle finestre di un palazzo in Corso Vittorio. La vera notte di sabato l'abbiamo inaugurata con il repertorio di Meditango al Museo del Corso, dove i nostri fantastici insegnanti e i ragazzi della compagnia hanno interpretato divinamente tante coreografie... bravissimi tutti, non solo a ballare ma soprattutto a trattenere gli occhi del pubblico su di sè. Subito dopo il tango il fiume di persone ci ha accompagnato al Palazzo delle Esposizioni, dove in 40 minuti di fila ci siamo gustati musica elettronica e luci colorate proiettate sul Palazzo. Stavamo fremendo, aspettavamo questo momento da quando era stato chiuso, è il nostro Palazzo dell'arte. All'interno, un freddo da morire, ma tanta arte, musica e belle facce divertite, poi via verso Piazza Venezia dove incerti abbiamo saltato la mostra ai Mercati di Traiano e ci siamo immersi nel delirio del concerto di Battiato, che ci ha regalato tante canzoni che adoriamo! Tra il profumo delle canne e la puzza di vino abbiamo cantato La Cura e L'era del cinghiale bianco (sempre se il titolo è questo!), poi un fumo rosso sembrava incendiare Via Nazionale, sì, a incendiare era l'inizio della parata di percussionisti, bello e suggestivo, ma abbiamo proseguito oltre. Direzione Piazza del Popolo, lì si fa circo. Prima di approdare lì, però, ci siamo fermati a Piazza San Silvestro... apparentemente solo un orologio verde... poi il palazzo delle Poste ha iniziato a prendere vita e colore. Davi ha subito preso in mano la situazione... io stravaccata sul marciapiede (il capolinea dell'80 express per capirci) mi sono gustata su un fianco la scena, ma in realtà cercavo di superare il mal di gambe!!! Bhè, il palazzo delle poste ha iniziato a colorarsi in ogni suo minimo dettaglio di colori acidi e sgargianti... Meraviglioso. Di lì a poco io e Davi abbiamo iniziato a teorizzare sul metodo usato dall'artista... tutte chiacchiere suppongo, ma al momento sembravano plausibili!!! Una volta stabilito che in realtà dietro al proiettore c'era un pc che proiettava slides colorate, abbiamo deciso che era il momento di andare a casa, il cervello non era più connesso, soprattutto il mio!! Così abbiamo ripreso la strada verso Piazza del Popolo, e dopo poco siamo rimasti catturati da un elegantissimo giocoliere seduto su una sedia che, accompagnato dal pianoforte faceva volteggiare velocissimamente non so quante palline. E poi sono arrivati gli acrobati che hanno iniziato a volteggiare nell'aria con avvolti da stoffa bianca... bellissimi, non li avevo mai visti dal vivo. Ma la stanchezza stava vincendo... erano le 3.00 e io avevo sonno e mal di schiena. Nonna Fra!! non ho più l'eta!!! hihihi

Poche foto, perchè mi sono voluta gustare tutto quello che ho visto... ma le posto tutte!

baci

Palazzo delle Esposizioni - Installazione sulla facciata

Palazzo delle Esposizioni - Interno

Palazzo delle Esposizioni - Installazione interno


Palazzo delle Esposizioni - Installazione interno

Piazza San Silvestro - Installazione sul Palazzo delle Poste - foto di David

Dadang - Inizio parata percussionisti - Piazza Venezia

Meditango al Museo del Corso

2 commenti:

Nina ha detto...

Che bello Fra' sembra di esserci stata...baci

Vale ha detto...

Nina mi ha tolto le parole dalla tastiera...suggestiva la descrizione e belle le foto!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...