martedì 31 marzo 2009

La collana Afgana


Leggo oggi su Repubblica.it

KABUL - Malgrado l'intervento armato in Afghanistan, con l'Italia incaricata della ricostruzione del sistema giuridico del paese, il governo afgano ha recentemente votato una legge (ancora non pubblicata) che rappresenta un duro colpo ai diritti delle donne afgane. Secondo fonti delle Nazioni Unite, la nuova legge legalizza lo stupro del marito nei confronti della moglie, obbliga le donne a "concedersi" al marito senza opporre resistenza, vieta loro di uscire di casa, di cercare lavoro o anche di andare dal dottore senza il permesso del consorte e affida la custodia dei figli esclusivamente ai padri e ai nonni.

Insomma, rispetto al passato, poco o nulla sembra cambiare per le donne afgane. La mossa del governo rappresenta, secondo alcuni parlamentari contrari e molti gruppi umanitari, il tentativo del presidente Hamid Karzai di incassare il sostengo dei fondamentalisti islamici, in vista delle elezioni presidenziali di agosto. Secondo il quotidiano britannico Independent, il provvedimento di legge è frutto delle pressioni esercitate dall'Iran, che mantiene uno stretto legame con la minoranza sciita afgana.

"E' una delle peggiori leggi mai votate dal Parlamento in tutto il secolo" ha tuonato Shinkai Karokhail, deputata afgana impegnata a battersi contro la legge: "è totalmente sfavorevole alle donne e renderà loro ancora più vulnerabili".

La Costituzione afgana permette agli sciiti, che rappresentano circa il 10 per cento della popolazione, di avere una legge sulla famiglia basata sulla giurisprudenza sciita tradizionale. Ma al tempo stesso sia la Costituzione che vari trattati internazionali firmati dall'Afghanistan, garantiscono pari diritti alle donne.

E proprio oggi Karzai partecipa al Forum dell'Aja, dove si svolge la Conferenza internazionale sull'Afghanistan: "E' importante che tutto il mondo stia guardando al nostro Paese", ha dichiarato. Al summit sono presenti circa 80 nazioni, tra cui tutte e 41 gli stati che partecipano alla missione Isaf guidata dalla Nato, e poi Russia, Cina, Giappone, India e organismi internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

C'è anche l'Iran, paese chiave dell'area. Che per bocca del suo viceministro degli Esteri Mohammad Mehdi Akhoundzadeh, si dice "pronto ad aiutare la comunità internazionale nella ricostruzione del paese e nei progetti di lotta al narco traffico".

(31 marzo 2009)
Proprio oggi, che come tanti altri giorni porto al collo una delle mie amatissime collane afgane... che "ostento" una femminilità tutta occidentale con il tocco esotico della collana afgana. Oggi leggo questo articolo e rabbrividisco. Mi sento sulla pelle un paradosso.

2 commenti:

alessandra caprini ha detto...

La tua collana è meravigliosa... ma la sua bellezza non basta a placare i brividi che ho addosso... non ho parole, solo parolacce!
Ciao!

Anonimo ha detto...

Fra... questi sono i passi avanti,
i passi avanti della onnipotente
ipocrisia del nostro mondo
civilizzato.
Pronti sempre a sparare e a mascherarci dietro mille buone intenzioni e parole, ma alla fine quello che conta cosa è stato, cosa è?

Avere il potere... schiacciando tutto il resto.

Pessimismo? ...forse sto solo invecchiando! eheheh

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...