martedì 25 marzo 2008

Focu di Raggia


Già che non ho mai parlato quanto merita di lei, la mia cantante preferita, la migliore secondo me in Italia, Carmen Consoli. La seguo da sempre, distrattamente... sì perchè essere fan malata non fa parte di me, mi godo e grido le sue canzoni avvelenate, le mie preferite, e mi gongolo con le sue canzoni maliziose, divertenti! Poi c'è il live, stupendo... e c'è l'orchestra, troppo costosa per le mie tasche. Poi a tango mi sembra, forse alla serata di Yves abbiamo sentito Focu di Raggia, bellissima... qui c'è il myspace e la potete sentire!

Il 25 aprile 2008 torna a Roma, con "L’anello Mancante Tour", ore 21.00 Viale Pietro De Coubertin 30, Roma, Costo : € 25

Quasi sicuramente non andrò... ma lo consiglio... Carmen dal vivo è un vulcano!! grande!!
Focu di Raggia

Dicevi ca
L’amuri miu è galera
Ora si ‘ncatinatu ‘nta sti ranni vaji
Non fu pi dinaru
Ne’ pi dispettu
Focu di raggia a lu pettu
Raggia
Rit.
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è?
Fossi fossi pirchì
Avi la vesti stritta
Ca ci avvampa , maliritta!
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è
Fossi fossi pirchì
‘nte minni ventu furria
e ‘ntra li cosci mavaria
Pinsannu a tia
Passu li me jurnati
Sula dintra stu lettu abbruciu ju
Lu cori to’ è marturiatuÈ ‘ntrubbulatu
Idda ti ferma lu ciatu
Raggia
Rit.
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è?
Fossi fossi pirchì
Avi la vesti stritta
Ca ci avvampa , maliritta!
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è
Fossi fossi pirchì
‘nte minni ventu furria
e ‘ntra li cosci mavaria
P.S. non conosco il dialetto siciliano... se qualcuno me la traduce... molto gradito! :)
baci

4 commenti:

luce ha detto...

Anche io amo Carmen Consoli una delle mie canzoni più ascoltate lo scorso anno (viaggiavo molto per lavoro) era quello della gravidanza isterica, troppo bello, forse mi identificavo in quella poveraccia anche se non sono ancora arrivata al suo stadio di insofferenza per le richieste dei miei che vogliono diventare nonni e di tutto il resto del mondo che continua ad infierire.

Anonimo ha detto...

Ciao Francesca!

Ho trovato questa traduzione su internet:

---Fuoco di Rabbia---
Carmen Consoli & Goran Bregovic

Dicevi che
L'amore mio è galera
Ora sei incatenato in questi grandi guai
Non fu per soldi
Nè per dispetto
Fuoco di rabbia nel petto
Rabbia

Allora dimmi tu
Dimmi dimmi com'è?
Forse forse perché
ha la veste stretta
Che gli brucia, maledetta!

Allora dimmi tu
Dimmi dimmi com'è
Forse forse perché
tra i seni gira vento
e tra le cosce maleficio

Pensando a te
Passo le mie giornate
Sola dentro questo letto io brucio
Il tuo cuore è martoriato
È torbido
Lei ti ferma il fiato
Rabbia

Allora dimmi tu
Dimmi dimmi com'è?
Forse forse perché
ha la veste stretta
Che gli brucia, maledetta!

Allora dimmi tu
Dimmi dimmi com'è
Forse forse perché
tra i seni gira vento
e tra le cosce maleficio



Bacioni

Yves

Francesca ha detto...

mitico Yves, io internettara non ci ho proprio pensato a cercarla bella e tradotta... grazie mille!!!!
Ammazza che bella che è questa canzone...
Luce... cerco il testo anche dell'altra e lo metto... troppo bella anche quella canzone! baci!
fra

Francesca ha detto...

... eccola! fantastica!

La dolce attesa
da Eva contro Eva

Al terzo mese di gravidanza isterica
già sul viso i morbidi tratti di maternità
diceva Maddalena sarebbe un nome particolare insieme a Sofia
nel caso fosse maschio Vincenzo Maria.
Al sesto mese di gravidanza isterica
tutti ritennero fosse opportuno non scomodare la verità
Insidiati dai rimorsi per averle dato il tormento
finché desse alla luce una creatura entro l’età feconda
Mentre aspettava il lieto evento
che mai avrebbe avuto luogo
comprava abiti premaman e una culla di legno
come quelle di una volta
le si leggeva in faccia smisurata felicità
per la dolce attesa
Al nono mese di gravidanza isterica
tutti mantennero la messa in scena invariata per viltà
sarebbe stata questione di giorni ed avrebbe chiarito da se
l’increscioso equivoco di cui era la sola ed unica artefice
Mentre aspettava il lieto evento
che mai avrebbe avuto luogo
sentiva quell’essere muoversi con grazia superba
come un trapezista in scena le si leggeva in faccia smisurata felicità
Mentre aspettava il lieto evento
aveva già pensato a tutto
prete, battesimo e clinica dalla culla di legno
come quelle di una volta ai più svariati tipi di carion.
Mistica e lenta la dolce attesa
la dolce attesa

baciiii!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...